Demolition man

3 conchigliette

image

Nel 1993 la risposta di Sly a “l’implacabile” (the running man) si chiama “Demolition man”. Il filmaccio in questione e’ una gioia per gli occhi e per lo spirito, la fantascienza qui e’ solo un pretesto per inscenare tutta una serie di gag e siparietti che proseguono per tutta la durata della pellicola. Imperdibili Wesley Snipes monellissimo, biondo platino, ma gia pettinato come Blade, Silvestrone che cuce maglioncini punto-croce, e una strepitosa Sandra Bullock in versione fantapoliziotto. Imperdibili le multe per turpiloquio, il fucilone laser simil-ghostbuster, le conchigliette da cesso, l’autoschiuma airbag. Imperdibili anche le citazioni, il poster di “Arma letale 3” accanto al manifesto dei Red Hot nell ufficio della polizia, la biblioteca intitolata a Schwarzy, il topo-burger. “Demolition man” e’ tanta roba, onore al merito dell’ italianissimo (ma solo nel nome) regista Marco Brambilla, che ci regala un bel giro di giostra nell’universo caciarone del fanta-action piu’ spericolato. Oggi film cosi’ non ne fanno piu’, quindi iberniamo questo e riguardiamocelo all’infinito…..a proposito, Schwarzenegger non e’ diventato presidente ma…c’e mancato poco…